ordinanza di separazione di cause nella quale si rigetta eccezione di inammissibilità – contenuto sostanziale di sentenza – ammissibilità dell’appello – introduzione con rito ordinario di controversia da trattare con rito Fornero – Inammissibilità del ricorso – Non sussiste – Mutamento del rito in Rito Fornero – Necessità

c-d-app-fi-1236-2017

L’ordinanza che, separando le cause e disponendo il mutamento del rito per la domanda relativa all’illegittimità del recesso sanzionabile ai sensi dell’art. 18 L. 300/1970, respinge la richiesta di pronunzia di inammissibilità della domanda perchè non introdotta con Rito Fornero ha contenuto sostanziale di sentenza e può essere impugnata mediante appello.

In caso di introduzione con rito ordinario di giudizio da trattare con Rito Fornero, la domanda non è inammissibile ma il Giudice, applicando il principio di conservazione del processo, deve mutare il rito e proseguire il Giudizio con Rito Fornero

Corte D’Appello di Firenze, Sent. 5.12.2017 n. 1236/2017 – Est. Nisticò