Erronea quantificazione dei contributi – Ritardo nella proposizione della domanda di pensione – Responsabilità contrattuale dell’INPS – Risarcimento del danno.

L’errata quantificazione da parte dell’INPS dei contributi settimanali utili ai fini pensionistici costituisce inadempimento contrattuale da cui può derivare un danno risarcibile a favore del lavoratore se quest’ultimo ha ritardato la proposizione della domanda di pensione a causa dell’affidamento riposto nella inesatta certificazione rilasciata.
sentenza INPS 285-2013