Clausole limitative delle assunzioni nelle imprese pubbliche – Affidatari di appalti “in house”

trib-ms-2-2013

trib-ms-3-2013

Imprese a totale partecipazione pubblica – Imprese affidatarie di appalti “in house” senza svolgimento di gara – Limitazione alla disciplina delle assunzioni – Art. 18 comma II bis L. 133/2008 – Contratto a tempo determinato nullo – Contratto a progetto nullo – Conversione in rapporti di lavoro subordinato a tempo indeterminato – Inammissibilità connessa ai limiti imposti dalla displina pubblicistica delle assunzioni – Non sussiste

Contratto a progetto senza idonea specificazione del “progetto” – Nullità – Sussiste – Sanzione – Conversione in rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato – Presunzione assoluta di subordinazione [fattispecie anteriore alla Legge "Fornero"] – Sussiste - Competenze relative al periodo intercorrente tra la cessazione del rapporto e la pronuzia di conversione – Applicazione dell’art. 32 L. 183/2010 (risarcimento da 2,5 a 12 mensilità – Non sussiste

L’art. 18 comma II bis L. 133/2008 - che impone limitazioni alle assunzioni di personale dipendente di società pubbliche affidatarie di appalti “in house” senza svolgimento di gara, parificando il regime delle assunzioni a quello vigente presso l’Amministrazione controllante - è norma speciale di stretta interpretazione e pertanto inidonea ad impedire la conversione in rapporti di lavoro subordinato a tempo indeterminato dei contratti a tempo determinato o a progetto affetti da nullità.

La indicazione del tutto generica del “progetto” costituisce motivo di nullità del contratto a progetto e comporta la conversione di quest’ultimo in rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato per presunzione assoluta della subordinazione e senza possibilità di dare prova della natura autonoma della prestazione. In caso di conversione del contratto a progetto non trova applicazione l’art. 32 L. 183/2010 sul regime del risarcimento spettante tra la cessazione del rapporto e la pronuncia di conversione (da 2,5 a 12 mensilità) trattandosi di disciplina riservata al caso di nullità del contratto di lavoro subordinato a tempo determinato

Tribunale di Massa – Sentenze nn. 2 e 3 /2013 – Est. Agostini

Le sentenze differiscono in quanto una è relativa a casi di nullità del contratto a progetto e l’altra a casi di nullità del contratto a termine